BLOCKCHAIN

COS’È LA BLOCKCHAIN?

Secondo molti analisti è la tecnologia che cambierà il mondo, scopriamo di cosa si tratta…

 

 

Quando ci si approccia a questo mondo, in molti tendono a documentarsi ed informarsi su Bitcoin, ignorando in principio la vera innovazione tecnologica che sta dietro lo sviluppo di questa e di tutte le altre le criptovalute: la BLOCKCHAIN.

La blockchain, o catena di blocchi, è il libro contabile in cui sono registrate tutte le transazioni fatte, nel caso del Bitcoin, dal 2009 ad oggi. 

Si tratta di un database distribuito, ovvero non presente su un solo server o computer, ma condiviso da tutti i pc che supportano il progetto (nodi).

Potremmo anche definirlo come un registro pubblico che automaticamente è in grado di verificare e registrare un elevatissimo numero di transazioni.

Ogni transazione rappresenta un blocco della catena, ed avviene grazie alla rete di nodi che garantiscono la correttezza e mantengono l’anonimato. L’integrità della blockchain viene costantemente controllata da tutti i nodi, ciò permette di tenere traccia di tutto ciò che avviene nel mercato delle criptovalute e ad evitare ogni tipo di frode.

La blockchain genera, ogni 10 minuti nel caso del Bitcoin, un nuovo blocco che contiene al suo interno l’impronta (hash) del blocco precedente. In questo modo si crea un collegamento tra i vari blocchi che rende la blockchain immutabile (qualora qualcuno provasse a manomettere un blocco intermedio il sistema se ne accorgerebbe immediatamente, in quanto l’hash non coinciderebbe più con quello già registrato nel blocco successivo). Questa caratteristica garantisce la tracciabilità delle informazioni inserite nella blockchain.

 

 

Come si evince: decentralizzazione, affidabilità, trasparenza, solidità e irrevocabilità sono i punti forti della blockchain.

Ma l’uso della blockchain nel mondo delle criptovalute, è solo un granello di sabbia nell’immensa spiaggia delle opportunità che offre.

Secondo molti analisti la blockchain è la tecnologia che rivoluzionerà il mondo, infatti il suo protocollo può essere sfruttato per migliorare quasi tutti i campi lavorativi.

Proprio per questo 30 delle maggiori banche mondiali (tra cui JPMorgan, BNP Paribas, Wells Fargo, ING) si sono legate in un consorzio promosso dall’americana R3 per studiare e definire il futuro della blockchain. Stesso dicasi per la banca inglese Barclays, o la svizzera UBS, che hanno già avviato una fase di sperimentazione. L’uso della blockchain potrebbe, in questo campo, accelerare tutte le funzioni di backoffice e di gestione, riducendo decisamente oltre i tempi, i costi.

L’uso della blockchain, tramite gli smart contract, potrebbe rivoluzionare quei campi in cui è richiesto un conteggio e un monitoraggio trasparente, come dovrebbe essere nel caso delle elezioni, eliminando ogni tentativo di frode.

È nota a tutti l’incapacità che vi è nel campo sanitario di condividere in modo sicuro i dati tra le diverse piattaforme e istituzioni. La blockchain permetterebbe agli ospedali, ai contribuenti, e altre strutture sanitarie di condividere le informazioni senza compromettere la sicurezza e l’integrità dei dati. Per questo scopo sono già state avviate numerose Startup.

Nel campo scolastico potrebbe essere utilizzata  per autenticare esami, titoli e certificati. Mentre nel campo lavorativo tornerebbe utilissima a chiunque volesse verificare, con totale trasparenza, tutti i titoli, le specializzazioni conseguite, e le precedenti esperienze lavorative di un professionista che si propone di ricoprire una certa carica.

Nel campo della sicurezza dei dati informatici la Microsoft sta considerando la possibilità di sfruttare la tecnologia nel cloud, che permetterebbe di ridurre l’esposizione ad attacchi che possono causare la perdita o la diffusione dei dati immagazzinati.

La blockchain potrebbe rivoluzionare totalmente anche lo sport, aprendo la possibilità ai fan di una determinata squadra, o di un atleta, di acquistare una partecipazione finanziaria che seguirà l’andamento nel tempo in relazioni alle prestazioni. (JetCoin, lo sponsor del Chievo Verona nasce proprio con questo scopo).

Persino i testamenti e le eredità si prestano perfettamente a questa tecnologia, che costituisce una straordinaria opportunità di sicurezza e semplificazione, dando la possibilità di rivoluzionare totalmente il settore notarile. Con la blockchain, sarà possibile ed esempio sottoscrivere un testamento, e chiedere al network di sbloccarlo a favore del beneficiario, 20 anni dopo averlo stipulato.

Anche nel settore delle attività benefiche, fund raising e donazioni, le ONG hanno già iniziato a sfruttare la blockchain, grazie alla quale sarà possibile monitorare con precisione dove finiscono i singoli centesimi donati da privati o aziende, cosa che fino a qualche tempo fa sembrava impensabile.

Questi sono solo alcuni dei campi, e dei modi, con cui la BLOCKCHAIN potrebbe ben presto rivoluzionare il mondo che oggi lo conosciamo!

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE:

Condividi la pagina: